Michelin Historic Rally Cup 2021. In 27, anzi 28 al via del 10° Lana Storico

Torna la gara biellese che vede al via 27 piloti iscritti alla Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand fra i quali anche l'organizzatore della Serie Mario Cravero, trasparente ai fini della classifica e l'ambasciatore Michelin nei rally storici Matteo Luise. Occhi puntati su Bruno Migliara e la sua Opel Ascona 400 e sul duello ai vertici della classifica fra Giacomo Questi e Luca Delle Coste
Image

(Comunicato Ufficio Stampa MIchelin Historic Rally Cup)

Con i numeri non si può barare. Sono il dato più assoluto e incontrovertibile che esista. Ma possono essere interpretati e a loro volta plasmati a uso e consumo della situazione. Ad esempio quanti sono i piloti Michelin iscritti al decimo Lana Storico di venerdì 18 e sabato 19 giugno? Ventisei, ventisette, o ventotto?

Ufficialmente gli iscritti alla Michelin Historic Rally Cup che hanno dato la loro adesione alla gara biellese sono 27, ma di questi uno (Mario Cravero) è trasparente ai fini delle classifiche essendo il pilota cuneese il personaggio che gestisce il Challenge storico indetto dalla Casa di Clermont Ferrand. Uno in meno, quindi ventisei. Ma Cravero correrà con i pneumatici Michelin (questo è ovvio) e apporrà tutti gli adesivi regolamentari sulla carrozzeria della sua 127. Quindi si torna a ventisette. Ma non si può dimenticare l’ambasciatore Michelin nel mondo dei rally storici, Matteo Luise, affiancato dalla moglie Melissa Ferro, che calzerà le gomme transalpine mettendo in bella evidenza gli sticker Michelin sulla sua Ritmo 130, pur non prendendo parte alla Michelin Historic Rally Cup, in quanto concorrente in una categoria non prevista per la Coppa. Al di là delle speculazioni numeriche è un bel parterre de roi (per dirla alla francese come le gomme) quello della gara biellese, con i suoi 185 iscritti e anche la Michelin Historic Rally Cup ha contribuito a innalzare il numero e la qualità dei presenti.

Il Raggruppamento più numeroso è il Terzo che vede al via ben venti concorrenti capitanati da Bruno Migliara, affiancato dalla moglie Oriella Tobaldo, che diventa il punto di riferimento per gli altri concorrenti con la sua poderosa Opel Ascona 400 #21. Il pilota originario di Ornavasso (VCO) probabilmente sarà al via solo di questa gara della Coppa, ma per fare bottino pieno al Lana bisognerà sicuramente fare i conti con lui. A seguire Giacomo Questi e Giovanni Morina, Opel Ascona SR #38, che sperano di disputare una gara finalmente senza problemi per consolidare la loro leadership nella Michelin Historic Rally Cup. Subito dietro il pilota di Bergamo prenderà il via per le prove speciali Massimo Giudicelli, affiancato da Paola Ferrari sulla Volkswagen Golf GTI #39, capace di raccogliere punti importanti nelle due gare fin qui disputate. A seguire Luca Delle Coste, con Franca Regis Milano al quaderno delle note, capace di portare sul gradino più alto della Coppa la sua Ritmo 75 al Rallye Sanremo. Qui scatterà con il #41 sulle fiancate e correrà per difendere (o anche migliorare) la sua seconda posizione nella classifica assoluta della Michelin Historic Rally Cup e il prima to di Classe M2. Con il #44 scatterà Daniele Cedrati, affiancato da Lorenzo Setti, che movimenterà la Classe M3 con la sua Opel Ascona SR, andando a sfidare direttamente la vettura gemella di Questi.

Image

Quindi Claudio Ferron, con Ivano Passeri alle note, sulla prima delle cinque Opel Kadett GT/E (#49) che vorrà riscattare la sfortunatissima uscita del Campagnolo, seguito da Luca Valle e Cristiana Bertoglio (Porsche 911 SC #55) che potrebbero approfittare della gara casalinga per dare l’assalto al vertice della Classe M4 della Michelin Historic Rally Cup. #59 per la seconda Kadett GT/E, quella di Stefano Villani-Lorenzo Lalomia alla prima esperienza stagionale in gara, seguiti dalla vettura gemella #75 di Luigi Barera e Adolfo Fornara, positivi protagonisti al Sanremo Rally Storico. Le altre due Opel Kadett GT/E sono affidate a Massimo Migliore (#78) , che sarà affiancato dal figlio Matteo e a Maurizio Riberi (#102) con Ivan Perriello a dettare il ritmo di gara. La Classe M3, la più popolosa di tutto lo schieramento con 14 iscritti suddivisi nei tre raggruppamenti, vede ancora al via Alessandro Meneghetti, Ford Escort RS (#77) che torna al Lana sempre navigato dal fratello Alessio e la BMW 2002 (#81) di Sergio Palmisano e Marco Romeo che partendo dalla Sicilia attraversano l’Italia per sfidare gli altri concorrenti della Coppa. Da seguire la gara di casa di Ettore Amione sulla Golf GTI (#82) con Silvia Bianco Francesetti sul sedile di destra.

L’incandescente Classe M1 del Terzo Raggruppamento vede al via cinque Fiat 127 e una Ford Fiesta e sarà animata da un confronto diretto fra Luciano e Lorena Chivelli (#83) che dopo la buona prova al Campagnolo dovranno vedersela innanzi tutto con il “trasparente” (ma solo ai fini della Michelin Historic Rally Cup) Mario Cravero (#84), in vettura con Oddino Ricca.  Seguono tre altre 127 di piloti che entrano per la prima volta quest’anno nella Michelin Historic Rally Cup a cominciare da Claudio Strola-Davide Ticli (#110) , che hanno scaldato i muscoli al Circuito di Varese, Riccardo Arrigo-Eugenia Fantini (#112) che tornano in prova speciale dopo due anni, seguiti da Marco Cassina-Alice Biancotto (#114) ansiosi di togliere la ruggine per l’inattività che data dal Vallate Aretine dello scorso anno. Dopo un’esperienza in Porsche al Campagnolo torna alla sua amata Ford Fiesta (#120) Claudio Azzari che condividerà l’utilitaria inglese con Massimo Soffritti.

Il Secondo Raggruppamento vede schierati sei equipaggi iscritti alla Michelin Historic Rally Cup. Il primo a lasciare la pedana di partenza sarà quello formato da Luca Prina Mello-Simone Bottega, BMW 2002 Tii (#43) che grazie al successo di Isola Vicentina guidano la classifica della categoria. A seguire affronteranno le prove speciali Bruno Graglia-Roberto Barbero, che dopo una gran prestazione al Sanremo sono incappati in una rovinosa uscita al Campagnolo. Fortunatamente sono riusciti a rimettere in sesto la loro Fiat 124 Abarth (#45) ed essere della partita a Biella. A seguire due Porsche 911 che fanno il loro esordio stagionale nella Coppa. Con il #47 avremo quella di Franco Vasino-Renzo Melani, mentre quella di Roberto Giovannelli-Isabella Rovere partirà con il #89. Ford Escort #91 per Germano Cretier-Elisa Sommariva, infine Ermanno Caporale-Ornella Blanco Malerba disputeranno la gara di casa con la Lancia Fulvia Coupé #103. Un solo protagonista nel Primo Raggruppamento. Si tratta di Cesare Bianco, affiancato da Stefano Casazza che abbandona la Lotus Elan con cui ha disputato il Sanremo, per presentarsi al via con una Porsche 911S (#88).

Il decimo Rally Lana Storico entrerà nel vivo venerdì 18 giugno con le verifiche fra le ore 13.00 e le 20.00 presso l’Agorà Palace Hotel di Biella. Sabato 19 giugno i motori si accenderanno alle ore 9.00 per la partenza dal Complesso “Gli Orsi”, che ospita anche il riordino e il parco assistenza. La gara si sviluppa su un percorso totale di 234,17, di cui 94,94 suddivisi in otto prove speciali. L’arrivo è previsto sempre a “Gli Orsi” alle ore 18.56 di sabato sera.

Prossimo appuntamento con la Michelin Historic Rally Cup a Biella il 18 e 19 giugno per il 10° Rally Lana Storico.