Balletti Motorsport brilla al Rally Campagnolo

Inizia bene la stagione di Salvini e Tagliaferri terzi assoluti con la Porsche 911 e in bella evidenza si mette anche la Subaru Legacy affidata ai Nodari
Image

(Comunicato Ufficio Stampa Balletti Motorsport)

Da sempre uno dei rally più attesi della stagione, anche quest'anno il Rally Campagnolo non ha disilluso le attese e, per la Balletti Motorsport la gara vicentina valevole per il Campionato Italiano Rally Auto Storiche, ha portato notevoli soddisfazioni.

La prima è arrivata da Alberto Salvini che del Campagnolo è uno dei più affezionati partecipanti e che una volta di più si è espresso ai massimi livelli con la sua Porsche 911 RSR Gruppo 4 assieme a Davide Tagliaferri, tornato al suo fianco dopo la vittoria all'Elba 2020; partiti con passo deciso fin dalle prime battute, sulla seconda prova hanno firmato il miglior tempo che è valso loro la provvisoria prima posizione. Sul successivo tratto cronometrato, la lunga "Santa Caterina" un improvviso problema ai freni nella discesa finale ha penalizzato il duo che si è così ritrovato al quarto posto in una classifica cortissima. Senza demordere hanno continuato ad attaccare chiudendo la gara al terzo posto assoluto, vincendo la classifica del 2° Raggruppamento che porta loro un consistente bottino di punti in ottica campionato.

Ad aggiungere soddisfazione al team dei fratelli Carmelo e Mario Balletti, ci hanno pensato Paolo e Giulio Nodari che per la gara di casa si sono affidati all Subaru Legacy 4x4 Gruppo A con la quale sono stati protagonisti di una prestazione da incorniciare, considerato anche il fatto che era la prima volta con la performante trazione integrale giapponese, dopo aver corso in passato diversi rally con la Porsche 911 di casa Balletti. Sempre nei primi sette nelle prime quattro prove e nonostante qualche problema ai freni, mentre stavano per attaccare la quinta posizione, sulla ripetizione della Recoaro, il duo padre e figlio lamenta una foratura che vanifica gli sforzi, ma non compromette più di tanto la gara visto il sesto posto assoluto finale, il quarto di 4° Raggruppamento, oltre al secondo di classe alle spalle dei vincitori assoluti.

Terzo equipaggio in gara, quello della Porsche 911 RSR Gruppo 4 di Claudio Zanon e Maurizio Crivellaro tornati a far coppia proprio al Rally Campagnolo iniziato in salita per loro, a causa di problema all'assetto che li penalizza fortemente sulla prima prova; sistemato l'inconveniente in assistenza, proseguono con la giusta determinazione che permette loro di riprendere il ritmo di gara dopo una lunga assenza. All'arrivo ad Isola Vicentina sono trentottesimi assoluti e settimi in una classe tra le più affollate e competitive.

Ora si volta pagina entrando nel mese di giugno che propone nel prossimo fine settimana la cronoscalata Lago - Montefiascone in provincia di Viterbo, valevole per il Campionato Italiano Velocità Salita al via della quale si presenterà Matteo Adragna, stavolta con una novità: al posto dell'abituale Porsche 911 RSR, il gentleman driver siciliano utilizzerà la 935 "Silhouette" che l'amico Andrea Baroni gli metterà a disposizione.