"Gordon" al comando ma Savioli non molla

Duello tra le Porsche dei due palermitani per il vertice, nonostante qualche problma di erogazione per il secondo. Vazzana con la Opel è terzo davanti alla Porsche di Bellomare ed a Savoca con problemi di alimentazione sulla Renault R5 Turbo.

Image
15/06/2012 - Bella lotta sulle Madonie per la leadership della Targa Florio Historic Rally. "Gordon" Cicero hanno vinto fiora tre prove con la Porsche 911 di primo raggruppamento, alsciando la PS 3 "Targa 1" ai rivali Marco Savioli ed Alessandro failla che non mollano la presa anche se alle prese con problemi al propulsore della loro 911 di Stoccarda di n2° Raggruppamneto. Pippo Savoca navigato da Michela Cressi ha iniziato ottimamnte la sua Targa, ma sul jquarto crono "Collesano", forse complice l'altitudine, la bella Renault R5 Turbo ha singhiozzato un pò troppo per noie all'alimentazione, facendo perdere al Presidente Class Driver Club due posizioni, scivolando al quinto posto. Cos' al 3° posto sono imediatamente risaliti i cefaludesi Piero vazzana e Roberto genovese, che hanno saputo governare la Opel Kadett Gte a trazione posteriore, anche sugli impegnativi asfalti madoniti. Quarta piazza dopo quattro prove per i palermitani Giuseppe Bellomare e Carlo D'Agostino anche loro su Porsche.

Ecco cosa hanno dichiarato i piloti al riordino dopo 4 speciali:

"Gordon" Porsche 911: Per adesso tutto a posto, la macchina gira come un orologio, come le gomme Pirelli che stanno facendo un ottimo lavoro.

Marco Savioli, Porsche 911: Abbiamo qualche problema al motore non eroga per come dovrebbe, la vettura non risponde come fa solitamente, speriamo di risolvere il problema.

Giuseppe Savoca, Renault R5 Turbo: Siamo partitit molto bene. Sula 4^ PS abbiamo perso un pò troppo tempo per delle noie alla pompa della benzina, speriamo di poter recuperare.

Piero Vazzana, Opel Kadett Gte: La temperatura si sta alzando ed il fondo diventa più scivoloso. Cerchiamo di governare la macchina, soprattutto quando le gomme vanno un pò in crisi per via della temperatura.

Luigi Zampaglione, Porsche 911: Il fondo è scivoloso, siamo finiti due volte fuori strada, per fortuna senza conseguenze, solo un faro rotto. Cercheremo di attaccare nelle prossime prove, mi piacerebbe tornare a Brescia e dire di aver vinto in Targa.

Isabella Bignardi, Porsche 911: Tra la 2^ e la 3^ PS si e rotto un uniball e la macchina era inguidabile. Adesso lo abbiamo cambiato e speriemo che il nostro avversario principale sia solo il caldo e non anche la sfortuna.