Da Zanche- De Luis calano il poker sul palco di Sanremo, con la Porsche 911 SC RS

Le voci dei protagonisti della gara storica tricolore ed europeo all'arrivo alla Vecchia Stazione di Sanremo.
Image

(Comunicato Ufficio Stampa Rallye Sanremo)

Lucio Da Zanche e Daniele De Luis, su Porsche 911 SC RS, vincono, dominandolo, il 36° Rallye Sanremo Storico, gara valida per il Campionato Europeo Rally e del Campionato Italiano Rally Auto Storiche e della Michelin Historic Rally Cup, challenge riservato agli equipaggi calzati con i pneumatici della Casa francese. L'equipaggio valtellinese, dopo le vittorie del 2011, 2012 e 2018, sale sul gradino più alto del podio con il tempo totale di 1h 29'52"1 e con il miglior crono in dieci delle quattordici speciali nel programma di gara. A 20"7 dai vincitori, seconda piazza per i pavesi Matteo Musti e Claudio Biglieri anche loro su Porsche 911 RSR che mettono la loro firma sul primo dei due passaggi sulla "Vignai". Gradino più basso del podio del 36° Rallye Sanremo Storico per Matteo Luise e Fabrizio Handel su Subaru Legacy, terzi sul palco arrivi, a 1'57"3 da Da Zanche-De Luis, dopo 448,90 km di gara di cui 135,10 di prove speciali interamente corse, contro le previsioni della vigilia, in condizioni di asciutto. Si ferma a una manciata di secondi dal podio la corsa di "Zippo" e Denis Piceno, quarto assoluti su Audi Quattro con il tempo complessivo di 1:32'04" seguiti, a meno di sette secondi, dalla Porsche 911 di Davide Negri e Roberto Coppa e dalla Porsche 911 RSR di Marco Bertinotti e Andrea Rondi, sesti a poco poco più di quaranta secondi. Sfida in Casa Ford per la settima posizione della classifica assoluta che vede la Sierra Cosworth 4X4 degli spagnoli Alonso Villaron-Lopez davanti alla Escort Rs1800 di Vicario-Bondesan. Completano la top ten del 36° Rallye Sanremo Storico, nell'ordine, la Porsche 911 Carrera RS di Pagella-Brea e la Porsche 911 Sc RS di Sordi-Belfiore.

SENTITE ALL'ARRIVO

"Zippo" - Quarta presenza al Sanremo ed è andato meglio di quello che pensavamo perché l'Audi Quattro non è la macchina migliore per questo tipo di strade, strade strette e tortuose. Abbiamo tenuto comunque un buon passo e prendere punti per il campionato europeo era quello che ci interessava.

Negri - "Siamo partiti bene per cercare di tenere un bel passo ma abbiamo avuto problemi di motore che ci siamo portati fino alla fine. Contenti comunque di essere stati davanti a Bertinotti nella lotta per il campionato. La gara è sempre bellissima, dura e difficile, non permette errori, ma sempre un gran gara. Per me una delle migliori"

Bertinotti - "E' andata molto bene. Ieri abbiamo avuto un problema per la rottura di un bilanciere con il motore che, sue due prove, girava solo a cinque cilindri. Sono soddisfatto del recupero fatto e poi questa è una gara che amo molto perché non c'è una prova che non mi piace e poi il Sanremo è un mito".

Da Zanche - "Una gara bellissima e abbiamo avuto sempre la situazione sotto controllo. La macchina è sempre stata perfetta nonostante un problemino al cambio con la seconda che grattava e ha richiesto un'attenzione maggiore del solito".

Luise - "Sono molto soddisfatto della prestazione, mia e della macchina All'inizio non me lo aspettavo ma ho travato subito il passo dei migliori. E' andato tutto per il verso giusto e sono molto contento".

Musti - "E' andata molto bene perché nella prima tappa abbiamo perso troppo tempo nelle prime due speciali e, mancando da parecchio tempo da queste gare, dovevo riprendere un giusto ritmo. Ritrovato il passo ci siamo giocati tutte le prove sul filo dei decimi ma il risultato finale non può che lasciarci soddisfatti. Un grazie a tutti i ragazzi del team e al motorista che è mio padre".

Alonso - "E' la terza volta al Sanremo, Sono molto contento di tornate in Spagna con un secondo posto di raggruppamento anche in ottica campionato europeo".